Archive | maggio 2013

Villa d’Este 2013

I fratelli Lopane ne hanno combinata un’altra!

Convinti da sempre che il mondo delle “CLASSICHE D’AUTORE” debba essere di ispirazione ai giovani car designer, hanno sponsorizzato la visita, anche quest’anno, per i 20 allievi del Master in Car Design del Politecnico di Milano,  al prestigioso concorso di eleganza di Villa d’Este.

Qui di seguito alcune foto della bellissima domenica di sole che ha fatto da cornice alla splendida manifestazione.

VdE2013 003

Il contesto, le auto e il pubblico erano veramente eccezionali !!

VdE2013 055

C’era persino un gruppo musicale che ha allietato il pubblico con degli ottimi pezzi suonati dal vivo.

VdE2013 069

E soprattutto le auto, bellissime e sontuose le ante -guerra

VdE2013 010

VdE2013 008

VdE2013 004

VdE2013 014

VdE2013 016

VdE2013 015

Nella mia personale categoria delle Ante Guerra la più entusiasmante è stata sicuramente la Bugatti 57SC Atlantic davvero splendida e così tecnicamente particolare con la sua costruzione con ribattini a vista in stile avio.

VdE2013 006

VdE2013 024

Mentre nella mia personale categoria delle Sportive dopo guerra la più bella è sicuramente la Ferrari 250 GT SWB CaliforniaVdE2013 039

Splendida anche nella vista posteriore

VdE2013 036

E nel gruppo propulsore degno di una galleria d’arte

VdE2013 035

Nella Categoria Concept ho ammirato il celebre Tz3

VdE2013 073VdE2013 066

Il concept Aston Martin con linee particolarmente aggressive

VdE2013 064

Ma soprattutto l’elegantissimo e proporzionato Disco Volante perfettamente a suo agio nel “Concorso di Eleganza” più famoso del Mondo.

VdE2013 065VdE2013 068

Dopo una mattinata veramente incredibile passata a passeggiare tra opere d’arte e veri monumenti all’automobismo ci siamo rilassati e abbiamo scattato qualche foto ricordo con i ragazzi.

VdE2013 075

A presto e arrivederci al prossimo appuntamento.

Annunci

Kart + School + Passion = ENJOY

Ciao a tutti, sono Alberto Lopane,

oltre a dirigere lo staff tecnico del Laboratorio Lopane sono docente di Laboratorio Meccanico presso la Scuola Professionale G. Mazzini di Cinisello Balsamo (MI).

Svolgo questa attività da anni con tutta la passione che posso, nell’intento di trasferire ai ragazzi non solo un “mestiere” ma anche una dose massiccia di ottimismo e di grinta.

644505_597468196930437_387844525_n

Tra le mille attività della scuola quest’anno il nostro preside illuminato ha deciso di farci partecipare ad una bella ed importante manifestazione.

Si tratta competizione di kart riservata ad alunni e professori delle scuole professionali del nord italia che si tiene annualmente sul bellissimo circuito di Jesolo.

Tutta l’operazione, dall’acquisto dei kart usati, la revisione dei mezzi, la selezione dei piloti e la preparazione alla gara, ci ha letteralmente galvanizzato in un crescendo di emozioni difficili da contenere sia per noi docenti che per i ragazzi.

68506_597468340263756_730123483_n

532177_597468666930390_475353050_n

554609_597468976930359_230133871_n

521908_597469890263601_1824921496_n

Qui di seguito la cronaca degli ultimi giorni, un week end davvero memorabile soprattutto per la grande INTENSITA’ delle emozioni provate.

4 SECONDI

 Dopo aver caricato quintali di attrezzature e materiali sui furgoni, e dopo un viaggio tranquillo trascorso a spettegolare (anche gli uomini adorano farlo) sulle prof del “Mazzini”, eccoci finalmente in pista, la tanto sognata pista di Jesolo.

Dopo aver lavorato mesi sul “Programma Kart”: selezioni dei piloti, la revisione totale dei mezzi in laboratorio, le prove libere e cronometrate sul circuito di Rozzano, eccoci nella pista dove avremmo finalmente sfidato i nostri colleghi degli altri istituti.

A nulla erano valsi i nostri tentativi di spionaggio circa la reale preparazione dei loro kart, neanche il finto casuale ingresso nel loro reparto corse!

Vane le ricerche in rete per trovare dati telemetrici o resoconti della precedente edizione

Vani anche i contatti con gli esterni presenti all’evento precedente; impossibile persino conoscere i nomi degli alunni/piloti.

Poche certezze, tanti sogni, molte aspettative e tanta, tantissima voglia di accendere i motori!

Per una lunga serie di eventi climatici avversi, piccole noie tecniche ed una quantità infinita di regolazioni e nonostante l’impegno a 2 giorni dalla partenza della gara ancora non sapevamo chi fossero i piloti più veloci tra i 4 finalisti delle preselezioni al circuito indoor di Cinisello Balsamo.

I nostri piloti, una volta arrivati al circuito, manifestavano una agitazione molto evidente, ma sempre sportivamente corretta, sia in pista che fuori.

Ripetevo in continuazione “Non siamo tanti singoli ma una squadra … anzi una classe !!! ”

iPAD 696

Arriviamo nel tardo pomeriggio e non si prova, ma il paddock è aperto e possiamo concentrarci sui preparativi: possiamo allestire il box, rifornire i mezzi, e accenderli prima della pausa notturna.

Cenetta in  pista,  doccia in albergo, e finalmente la libera uscita nella notte jesolana; i milanesi, dopo aver lavorato, dimostrano anche di saper godersi la vita !!!

Sveglia all’alba, una abbondante colazione yankee, e via in pista, dopo un breve salutino all’Adriatico.

Raggiunto il tracciato si entra immediatamente nel ritmo frenetico del paddock, e dopo i primi giri di rodaggio ecco  arrivare il secondo pulmino Mazzini. Finalmente il team è al completo !!!!!!!!!

Ma dobbiamo contenere l’entusiasmo, la giornata di domenica, come disposto doveva essere in incognito.

I kart hanno le carenature rovinate e provvisorie, i componenti del team sono in borghese e tutto il materiale “logato” Mazzini” è ben nascosto.

La mission per la domenica è prendere confidenza con il tracciato, ottimizzare percorrenze e traiettorie, regolare i rapporti della trasmissione, perfezionare  l’assetto e selezionare i 2 piloti più veloci sui 4 a disposizione.

532050_597464150264175_1135226310_n

Dobbiamo infine cercare di capire se ci sono altri piloti-studenti di altre scuole e se possibile verificare i loro tempi sul giro.

Purtroppo, quando quasi tutto il programma tecnico è stato portato a termine, una rottura improvvisa della frizione di un kart ci complica notevolmente l’ultima parte della giornata.

Senza esitazione, con il motore ancora rovente, metà personale viene impiegato alla soluzione del problema.

Anche se i minuti sembrano ore, il problema viene risolto velocemente, ma in maniera provvisoria perché purtroppo il particolare rotto non è disponibile nuovo.

Il pilota può tornare in pista per eseguire una lunga sessione di giri cronometrati, ma nel tentativo di colmare il ritardo una nuova rottura più grave affligge il “Kart sfortunato”.

Tutti dal box si accorgono che il nostro motore prima di tacere ha letteralmente “tuonato”.

Forse qualcuno delle altre scuole sorride già, ma tra i piloti privati e gli atri tecnici presenti, non abbiamo notato scolaretti sorridenti.

Mentre l’altro kart inanellava giri velocissimi, si procede alla nuova riparazione con l’entusiasmo e la tenacia tipica dei “meccanici di pista”.

Si ricomincia: guanti da lavoro e motore bollente. Il problema è subito evidente: un cuscinetto dell’albero motore è completamente distrutto…

Si tratta di effettuare un intervento molto severo, praticamente una revisione completa del motore con tanto di pistone nuovo….ai box…..difficile, molto difficile!

Una operazione del genere richiede una infrastruttura tipica di una officina, in un paddock non ci avrebbe provato nessuno.

Ma il Mazzini ha tutto il necessario, i tecnici, le competenze, l’attrezzatura e soprattutto la grinta e l’entusiasmo!

No, non proprio tutto il necessario, infatti ci manca una “boccola particolare” per lo smontaggio, ma dopo qualche istante di panico arriva l’idea. Si potrebbe costruirne una saldandone due piccole !!

Quando i presenti ci hanno visto armeggiare con la saldatrice, erano tutti increduli.

Forse l’incredulità era dovuta al nostro voluto aspetto dismesso, per non dare nell’occhio e in fondo capisco gli sguardi di compassione.

Poco prima del tramonto il motore è di nuovo in perfetta forma e ruggisce forte, ultimo a gridare la nostra soddisfazione nel paddock della domenica sera.

La lunga giornata non era ancora finita e ci riservava ancora molte risate e tanta allegria durante la cena e nel dopocena.

Ero ancora un po’ pensieroso. Il programma dei test non era concluso e non avevamo riscontri cronometrici sufficienti per decidere i piloti per la gara dell’indomani.

Anche i ragazzi erano giustamente molto agitati.

Vicenzi Matteo       pilota?

Tardivo Mirko         pilota?

Giglio  Francesco  pilota?

Fahd   Ismael        pilota?

L’inossidabile Prof Bernardi, che divide la camera con me ed il Prof Ausilio chiede i nostri pareri alle ore 1.30 di notte e noi rispondiamo con le nostre impressioni, analizziamo tabulati facciamo le nostre considerazioni….

La decisione finale spetta al prof Bernardi, ma non ce la dirà.

Sono le 2 di notte, Omar pensieroso apre con un gesto distratto l’app dell’iPad e organizza le supplenze del lunedì nella sede di Cinisello Balsamo, io vado a dormire.

Mi addormento pieno di pensieri in testa per sole 4 ore di riposo (8 ore di sonno in 2 giorni).

Anche l’alba di lunedì ci accoglie con un bellissimo cielo, il silenzio e la tranquillità della piscina, gli ombrelloni e la spiaggia dell’albergo stonano con la giornata frenetica che ci aspetta.

Ci concediamo solo una mega-colazione, il nostro carrello Beta ci attende, niente distrazioni !

Tutti sia i kart che noi abbiamo finalmente il "vestito buono"

Kart e tecnici in livrea ufficiale

Arrivati al circuito abbiamo potuto finalmente allestire il paddock in modo completo, è tutto perfetto, esattamente come era stato previsto e noi siamo veramente bellissimi tutti nelle nuove divise Mazzini,

ad ognuno pantaloni, polo e felpa con i ricami aziendali …. su ciascuna polo dei membri del team è ricamato anche l’incarico assegnato …

La mia polo porta la dicitura “team manager”, va indossata con dedizione e orgoglio. E così sarà!

Preparativi pre-gara: si accendono tutti i motori. Fumo e rumore infernali

Preparativi pre-gara: si accendono tutti i motori.
Fumo e rumore infernali

Omar riunisce il team e annuncia la decisione che ha preso (nessuno la conosce), i piloti verranno sorteggiati …… nessuno obietta ….. tensione a mille!

Primo bigliettino: Tardivo!

Secondo bigliettino : Fahd!

I ragazzi la prendono bene, i continui richiami al senso di squadra hanno fatto effetto, nessuno contesta e si parte con le Prove Libere.

Le Prove Libere ci vedono subito protagonisti, un buon passo, i tempi ci danno le prime conferme, anche se presto ci rendiamo conto che alcuni avversari hanno kart molto più performanti.

Ma sopratutto comprendiamo che alcuni dei piloti avversari tradiscono una loro lunga esperienza in gare a livello nazionale !

Sicuramente saranno avversari difficili da battere !

I tempi si abbassano per tutti, il motore sfortunato è velocissimo, siamo tutti concentrati ma felicissimi !

La conclusione delle Prove Ufficiali ci vede invece con un 8° tempo e ….. ahimè una nuova rottura.

Nuovo colpo di scena ! Il motore del kart di Tardivo esplode prima di zittirsi definitivamente.

Vado da Tardivo, al mio arrivo, attraverso la visiera del casco, vedo nei suoi occhi la “disperazione”.

Quel motore purtroppo non sarebbe più ripartito, troppo complesso il problema e troppo poco il tempo prima della gara.

Il responso è subito chiaro, surriscaldamento del pistone fino alla perforazione. Ma perché ?

Tante le congetture sul pistone nuovo che ci ha salutati troppo precocemente, solo 20 minuti prima della gara …

Insufficiente rodaggio? Difetti di costruzione? Sfortuna?

Difficile dirlo ma soprattutto molto difficile accettarlo se sulla maglia assegnata hai scritto “Team Manager” ; non doveva accadere !

Un gruppo parte ugualmente per un tentativo disperato di revisione.

Questo gruppo ha smesso di lavorare quando è partita la seconda gara anche se le probabilità di riuscita erano nulle dimostrando che un tecnico di pista non molla mai ! Mai !

Intanto comincia la procedura per la partenza di Gara 1. Schieriamo un solo Kart con Fahd al volante.

La partenza è di tipo lanciato: come ad Indianapolis i kart seguono una pace-car che dichiara partita la gara se tutti i piloti transitano in ordine sul rettilineo di partenza.

Per tre lunghissimi giri alcuni avversari pasticciano con le posizioni e la gara non prende il via. Procedere lentamente per i motori ad alte prestazioni è molto dannoso, e infatti si annulla tutto e si rimanda la procedura.

Ben 4 kart, compreso il nostro, hanno la candela da sostituire, ma i nostri meccanici sono velocissimi ormai, Ibrahim e Dimichele risolvono immediatamente !

La procedura viene ripresa e quando viene dichiarata valida la partenza Fahd risulta leggermente attardato.

Grazie agli ottimi tempi sul giro rimonterà, sorpasso dopo sorpasso, fino alla 7° posizione !

Grande Fahd, eroico, senza errori, efficace e concreto. Primo pilota MAZZINI KART TEAM conclude la gara dell’esordio in una posizione che ci soddisfa pienamente !

Le emozioni non sono finite, giusto una pausa e poi la Gara 2, quella riservata ai docenti.

La situazione della scelta del pilota si ripresenta ,ma contrariamente agli alunni, io ed Omar “discutiamo”per non fare la gara !

E’ assolutamente giusto che sia lui a prendere il via con l’unico kart superstite, lui invece dice che tocca a me, sorteggiamo allora …..  ed esce il mio nome …

Ma c’ è un dettaglio del regolamento che permette ai ragazzi che non hanno preso il via in Gara 1 di partecipare a Gara 2, ed io offro il mio “volante” a Tardivo.

Così tutti sono accontentati, e mentre un gruppo imperterrito tenta la revisione del propulsore danneggiato, le qualifiche di Tardivo si concludono con un ottimo 4° tempo … INCREDIBILE !!!

I ragazzi del team, provati dalle molte emozioni della mattina sono carichissimi, e assolutamente autonomi nell’assistenza del mezzo e del pilota.

In pochi mesi abbiamo creato un vero team, e raggiunto un eccezionale livello tecnico.

La gara di Tardivo prende il via senza complicazioni e il nostro passo è ottimo, il gruppo di testa è compatto e Mirko non molla … anzi …

Durante il 2° giro, dopo un rettilineo lunghissimo dove il motore dei nostri ragazzi non ha perso nemmeno 1 decimo di secondo rispetto ai più sofisticati degli avversari, Mirko è a contatto del 3° !

Tardivo 3° in lotta per la 2° posizione

Tardivo all’esterno insidia la 3° posizione

Alla curva successiva tenta il sorpasso, si fa vedere, esce dalla traiettoria e si butta all’interno…….. e ci riesce !!!!!!!!!!!

Mirko è terzo e virtualmente sul podio !!!

Dopo alcuni istanti, forzando una staccata, nel tentativo di recuperare il gap dagli avversari che lo precedono, perde aderenza e il controllo delle ruote posteriori. Finisce in testa-coda nell’erba e il motore si spegne !

Impreco !!!

Partiamo dai box in tre per i soccorsi, io Aruna e Dimichele , (con questa scena si entra nella storia del Mazzini) e correndo come Bolt raggiungiamo Tardivo con ben 3 avviatori elettrici, due nostri e uno “rubato” in corsa ad un altro team.

Il motore riparte subito e Mirko si lancia in una epica rimonta, si tratta della sua prima gara ma si comporta come un pilota professionista

Alla fine della gara sarà 6° ma ottiene questo risultato girando con tempi da podio per tutta la gara.

Abbiamo tutti sportivamente applaudito ai nostri avversari che hanno occupato il podio nelle premiazioni per le gare.

Ma abbiamo ascoltato con immensa soddisfazione i loro applausi quando Omar ha ritirato il primo premio per organizzazione del team offerto dalla Imeche di Londra.

Il Premio "Miglior Organizzazione"

Il Premio “Miglior Organizzazione”

Concludo questa mia “cronaca degli avvenimenti” con il cuore davvero pieno di gioia e soddisfazione.

Con la consapevolezza di aver vissuto momenti magici insieme ai ragazzi e di aver insegnato, ma soprattutto imparato tanto!

Incontrarli nei corridoi durante i giorni seguenti è stato particolare, il sorriso di chi come me ha creduto in questo progetto è ora complice, dietro il loro ed il mio sorriso c’è il ricordo di un esperienza indimenticabile.

Abbiamo occupato virtualmente il podio per 4 secondi, sono 4 secondi lunghissimi se vissuti intensamente come chi ha lavorato per questa gara.

Vorrei simbolicamente regalare questi 4 lunghissimi ed intensissimi secondi di gioia e soddisfazione incontenibile a:

Al Presidente Mariani, per averci dato questa stupenda possibilità.

Al Preside Gervasoni, per la sempre pronta collaborazione.

Al Coordinatore Omar, per essere l’uomo che è.

E un secondo da podio vorrei tenerlo io nel cassetto dei miei ricordi più cari .

p.s. spero l’anno prossimo di avere secondi da podio, da regalare a tutti voi.

Festeggiamenti: i ragazzi fanno vloare me e il kart

Festeggiamenti: i ragazzi fanno vloare me e il kart

Il gruppo completo dei partecipanti alla manifestazione

Il gruppo completo dei partecipanti alla manifestazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: